Piccola Fermeda 2800 m
Via normale: Johann Santner,  1884

Questa divertente normale, scoperta in solitaria dal bolzanino Johann Santner, consente di salire facilmente sulla acuminatissima Piccola Fermeda, prendendosi ogni tanto il gusto di affacciarsi sui vertiginosi appicchi nord. E di sognare futuri brividi (gli appicchi sono non solo orridi, ma anche friabilissimi).
SCHEDA
Difficoltà:
Punto di Partenza:Ortisei (staz. superiore funivia Seceda)
Dislivello ▲ 200 m
Sviluppo 280 m
Tempo ▲ Tempo avvicinamento: 1,30 ore; 1 ora per la salita
Tempo ▼ 1,15 ore (fino alla stazione a monte)
Esposizione: O
Avvicinamento
dalla staz. sup. della funivia di Seceda (Ortisei) volgere immediatamente a sin. (indicazioni: forc. Pana n° 6, forc. Sieles e Sass Rigais n° 24), poi ancora a sin. dopo 5 min. (per forc. Pana). Altri 15 min. e si lascia il sentiero basso (interrotto: 1998) per prendere quello che s'inerpica a sin. Segue un piacevolissimo tratto orizzontale tra fiori, finché la traccia non si biforca. Trascurare il ramo superiore (che sale a una paretina di un 15 m, munita di ancoraggio per doppia). e scegliere invece l'inferiore, affrontando un piccolo risalto di 6 m(III). Volgere ora a sin. per roccette e balze erbose (I; un solo tiro di 40 m dal risalto), quindi mirare di nuovo alla Piccola Fermeda, finché non ci si ricongiunge al sentiero che sale dal rifugio Firenze e dalla cabinovia di Col Raiser (punto di. partenza alternativo a Seceda, e che permette di evitare il piccolo risalto di III-). Per il ramo in salita guadagnare, dopo 10 min., un'aerea forcella di cresta che consente i promessi affacci vertiginosi. Segue una cengia che scende per 100 m ca. per poi risalire (40 m ca.) a una seconda forcella (in totale, 1.30 h dalla staz.).
Discesa
percorrere a ritroso l'itinerario di salita, utilizzando le due doppie già predisposte (dalla cima all'attacco, 35 min.). Riguadagnare la stazione sup. di Seceda (1 doppia, 1.15 h), oppure per sentiero al rifugio Firenze o a Col Raiser (1.20 h).