Cima Cason di Formin
Diedro Dallago: F. Dallago, D. Costantini, 23/9/1970

Un grande diedro di roccia solida, ricco di clessidre che consente una bella arrampicata di quarto grado. Nel primo tiro c’è un solo passaggio più difficile (5), ma questa lunghezza si può evitare attaccando 20 m più a sinistra e salendo per rocce gradinate. Non effettuare la salita dopo piogge recenti
SCHEDA
Difficoltà:3 m. di V (non difficili) per uscire dalla via
Punto di Partenza:Località Rocurto, sulla strada che da Cortina sale a Passo Giau
Dislivello ▲ 300 m
Sviluppo 350 m
Tempo ▲ all'attacco ca. 1,15 ore; 3 ore per la salita
Tempo ▼ ca. 40 min.
Esposizione: Nord Ovest
Avvicinamento
Sulla strada che da Cortina sale al Passo Giau, si parcheggia in località Rocurto, dove inizia il sentiero n° 437 per il rifugio Palmieri (indicazioni). Lungo quest’ultimo si sale fino al bivio col sentiero n°435 per la Val Formin, che si segue fino ad una zona pianeggiante sotto la parete (circa un’ora di avvicinamento). Per ghiaie si punta alla fessura - camino, posta sulla verticale del grande diedro, dove attacca la via.
Discesa
Usciti dal diedro si sale e si traversa verso destra fino ad un canale chiuso da un masso incastrato che si che si supera lungo una difficile paretina (5). Sul versante opposto si scende in direzione del laghetto ‘da Lago’ fino ai pendii erbosi sottostanti. Da qui verso sinistra ad una forcella che immette in un canalone scendendo il quale si giunge in breve la base della via.
Note
Utile una fettuccia di un 1 metro di diametro per unire i molto ch. di sosta accoppiati. Dalla sosta 8 portarsi per balze erbose e una cengia a un ripido canale di terra rossa posto a sx di 3 caratteristici pilasti a lama (attenzione a non imboccare, a dx, un canale "gemello"). Risalirlo (I) e dopo un ciclopico masso squadrato uscirne per un foro (I). Se il foro fosse ostruito (quasi sicuramente) vincere una paretina di 4 m a sx del blocco, in libera (V) o in A0 (nut medio-grande). Volendo evitare il canale, si può salire prima in vetta (sx, II e III+) e ridiscendere alla forcella