Via ferrata Gabitta d'Ignotti Cima della Vezzana, 3192 m
SCHEDA
Difficoltà:Particolarmente Difficile
Punto di Partenza:S. Martino di Castrozza, 1466 m
Punto di appoggio:Bivacco Fiamme Gialle, 3005 m
Dislivello ▲ 1500 m
Dislivello ▼ 1200 m
Tempo ▲ Via ferrata Bolver-Lugli - Cima della Vezzana, ca. ore 4
Tempo ▼ Via ferrata Gabitta d'Ignotti - Bivacco Brunner - Valle delle Comelle - Rif. Pedrotti alla Rosetta, ca. ore 5
Salita
Come per la Via ferrata Bolver-Lugli alla Cima della Vezzana, 3192 m
Discesa
Seguendo il segnavie n. 716 sulla cresta orientale della vetta si scende al tratto attrezzato attraverso il quale si raggiunge il piccolo ghiacciaio di Val Strutt ed il Bivacco Brunner, 2665 m (attenzione! ghiaccio e caduta sassi). Si scende ulteriormente per la Val Strutt fino ad incontrare il «Sentiero delle Farangole» che contemporaneamente è «Alta Via delle Dolomiti n. 2» e segnavie n. 703. Si segue quindi questo sentiero in direzione sud ed in leggera salita fino al Rif. Pedrotti alla Rosetta, 2581 m. Da lì si ritorna al Col Verde e a S. Martino di Castrozza, 1466 m, con la funivia oppure a piedi seguendo il sentiero n. 701.
Note
Grandioso attraversamento della vetta più alta delle Pale di S. Martino. Escursione lunga e impegnativa