Via ferrata Ivano Dibona Forcella Staunies, 2918 m
 Visualizza con Google Map

Via ferrata di notevole interesse paesaggistico
SCHEDA
Difficoltà:Difficile
Punto di Partenza:Passo di Tre Croci, 1809 m - Stazione a valle della seggiovia al Rif. Son Forca, 2215 m, e Rif. G. Lorenzi, 2932 m
Punto di appoggio:Rif. G. Lorenzi
Dislivello ▲ 400 m (tornando attraverso la Val Grande al punto di partenza ca. 400 m., altrimenti quasi solo discesa)
Dislivello ▼ 1500 m
Tempo ▲
Tempo ▼ Rif. Lorenzi - Rif. Ospitale, ca 6 ore. Rif. Lorenzi - punto di partenza ca. 8-9 ore
Tempo percor.za via ferrata: ca. ore 3,30-4
Itinerario
Il percorso del sentiero passa per lo più davanti alle postazioni della prima guerra mondiale. Dal Rif. Lorenzi si sale per una scala fino ad una galleria e più oltre fino ad un punto sospeso lungo 30 m e molto alto. Subito dopo si raggiunge il punto più alto della via, 2985 m. Scendendo per la cresta si arriva al bivio per il Cristallino d'Ampezzo, 3036 m (andata e ritorno ca. ore 0,30). Più oltre scendendo la cresta attrezzata si raggiunge la Forcella Grande (discesa di emergenza verso S al Rif. Son Forca e verso N si scende alla strada Dobbiaco-Cortina d'Ampezzo). Qui inizia la vera e propria via Ivano Dibona. Rimanendo sul versante Sud della Cresta Bianca, 2932 m, Vecchio del Forame, 2861 m, e passando per il Biv. Ric. Buffa di Perrero e oltre alla Cima di Zurlon, si scende nella Val Grande e seguendo la strada praticabile si arriva al Rif. Ospitale, 1474 m (scale in legno e in ferro, corde metalliche). Volendo tornare al punto di partenza si devono superare ca. 400 m di dislivello sulla strada praticabile attraverso la Val Grande per continuare poi sui sentieri n. 203 e 206 fino alla stazione a valle della seggiovia.
Note
Pernottando al Rif. si può percorrere anche la via ferrata Marino Bianchi