Sentiero Oskar Schuster Sasso Piatto, 2964 m
 Visualizza con Google Map
SCHEDA
Difficoltà:Difficile
Punto di Partenza:Rif. Passo Sella, 2153 m
Punto di appoggio:Rif. Vicenza al Sassolungo, 2252 m
Dislivello ▲ 700 m
Dislivello ▼ 1200 m
Tempo ▲ Discesa Forcella del Sassolungo- Rif. Vicenza al Sassolungo, ca. 45 min. Salita Rif. Vicenza al Sassolungo - Sasso Piatto, ca. ore 2,30
Tempo ▼ Sasso Piatto - Rif. Sasso Piatto- Rif. Passo Sella, ca. ore 3
Tempo percor.za via ferrata: ore 1,30-2
Indicazioni: Pericolo di ghiaccio e caduta sassi
Salita
Con la cabinovia dal Rif. Passo Sella, 2183 m, alla Forcella del Sassolungo, 2679 m. Si scende poi ripidamente seguendo il sentiero n. 525 fino al Vallone del Sassolungo e al Rif. Vicenza al Sassolungo, 2252 m. Con condizioni atmosferiche insicure chiedere informazioni presso il rifugio. Dal rifugio si sale attraverso il Vallone del Sasso Piatto all'inizio della via ferrata. Attenzione! Per lo più ripido campo innevato! Ora si segue il segnavie attraverso il lato nord del Sasso Piatto lungo strette cenge e detriti fino alla vetta del Sasso Piatto, 2964 m.
Discesa
Lungo tracce di sentiero in parte segnate si scende l'inclinata piattaforma a sud-ovest e si arriva al Rif. Sasso Piatto presso il Giogo di Fassa, 2297 m. Da qui si segue il comodo sentiero Federico Augusto fino al Rif. Passo Sella, 2183 m.
Note
II lato sud-ovest del Sasso Piatto in primavera è una ricercata pista da sci e l'unica cima del Gruppo del Sassolungo che può essere scalata dall'escursionista normale.